Primi Piatti

Tra i primi piatti offerti dal Bigo(l)aro la priorità va ai “bigoi al torcio”. I bigoli al torchio sono una specialità veneta, conformata a vermicelli, come gli spaghetti, i cui ingredienti esclusivi sono la farina di grano tenero 00 e le uova fresche. Vengono fatti in casa ogni giorno e offerti nei modi più vari: alla vegetariana, alla carbonara, all’amatriciana, al ragù alla bolognese, all’anitra, al sugo fresco di pomodoro, ecc. Sempre fatti in casa sono gli gnocchi e le pappardelle. Non mancano i risotti con le verdure di stagione e ai funghi porcini e zucca.

I Secondi

Nella vasta offerta di secondi piatti spicca quella del “toresan” ripieno al forno. “Toresan” (parola intraducibile in italiano), nell’accezione culinaria veneta, è il giovane colombo dalle carni tenere, che si presta a essere consumato, fino all’ultimo ossicino, come la comune cacciagione selvatica. Un’altra notevole specialità della casa è il baccalà alla vicentina, preparato e cotto secondo la tradizione più genuina. Vasta è l’offerta di carne ai ferri cotta sulle braci del grande focolare che domina la cucina. Si possono gustare anche il coniglio alle erbe, il cinghiale e lo stinco di maiale. La polenta abbrustolita che accompagna tutti i piatti è fatta in casa ogni giorno nella più autentica tradizione veneta.

Contorni e Dolci

Tra i contorni, durante la stagione primaverile, è da sottolineare l’offerta delle “erbete de canpo” cioè delle erbe da padella tipiche della zona. Nella zona dei Colli esiste, infatti, una lunghissima tradizione di raccolta di piante selvatiche a scopo alimentare. Nella riproposta fatta dal Bigo(l)aro vi è una scrupolosa osservazione della tradizione, sia nella selezione delle specie, sia nella preparazione e nella cottura. La raccolta, viene fatta personalmente dai gestori (esperti della flora dei Colli Euganei) in luoghi esenti da inquinamenti dell’aria e del suolo.

Varia è anche l’offerta di dolci, tra cui l’ottima focaccia della casa ottenuta da un impasto ricco di frutta fresca di stagione.